Humus di lombrico: come usarlo?

L’humus di lombrico è ritenuto da molti coltivatori esperti come fertilizzante naturale migliore al mondo o perlomeno uno dei migliori. Grazie a questo particolare animale si riesce a produrre un composto di primissima qualità. La digestione dei lombrichi riesce a trasformare il letame bovino in un prodotto soffice, inodore e ricco di elementi nutritivi per il terreno. Infatti, questo fertilizzante è ideale da usare nell’orto e si tratta di un prodotto completo fornendo tutti gli elementi nutritivi necessari alla pianta. Inoltre, non serve alcuna integrazione con altre sostanze poiché questo prodotto basta per coltivare ortaggi vari. Quello che lo distingue da altri fertilizzanti, come compost e letame, è il fatto che i lombrichi processano la materia rendendola stabile dalle radici, minimizzando cosi la possibilità di bruciare le piante.

In pratica la sostanza organica proviene dai residui di origine animale e vegetale. Una volta depositati sul suolo vengono trasformati da organismi viventi che rendono il terreno un vero e proprio laboratorio biochimico. Attraverso varie fasi essi riescono a favorire la formazione dell’humus fondamentale per definire l’indice di fertilità di uno specifico suolo scelto per la coltivazione. Per questo motivo l’humus di lombrico è un fertilizzante naturale molto prezioso da aggiungere al normale terriccio e massimizzare la sua efficienza. Ci sono diverse varietà di humus di lombrico e questi variano in base alla tipologia del lombrico stesso. Possiamo trovare il lombrico rosso californiano che è anche quello più pregiato ed è noto per trasformare scarti in sostanze utili alle piante. Andiamo a scoprire più da vicino questo affascinante mondo e vediamo insieme quale humus di lombrico è il migliore e come utilizzarlo.

A cosa serve l’humus di lombrico?

Tramite l’utilizzo di questo humus si può mantenere costante l'umidità del terreno. Così si riesce a ridurre il fabbisogno di acqua della pianta e migliorare anche la struttura del suolo. L’humus di lombrico riesce a mantenere il pH neutro e pulisce in profondità il terreno arricchendolo con sostanze organiche e tutti i minerali di cui necessita. Questo è anche uno dei motivi principali per il quale viene scelto da moltissimi coltivatori che si affidano alle sue prestazioni per il proprio raccolto. Per di più aumenta anche la capacità di germinazione delle sementi e riesce a proteggere la pianta dalle concimazioni essendo altamente resistente al dilavamento. Grazie al suo utilizzo si riuscirà a rilasciare i suoi nutrimenti lentamente e ridurre l’erosione del suolo. Questo perché la sua presenza aumenta la resistenza delle piante alle malattie e parassiti. In poche parole l’utilizzo dell’humus di lombrico fa diventare un habitat ideale per le colture assicurando sempre raccolti abbondanti e sani.

Come si può produrre l’humus di lombrico?

L’humus richiede un vero e proprio laboratorio per essere creato e per chi è appassionato sarà veramente un'esperienza soddisfacente. Per tutto il resto bisogna lasciare la sua produzione ad esperti del settore e utilizzare l’humus che potete facilmente acquistare. Infatti la procedura è abbastanza difficile e deve essere seguita in maniera attenta e rigorosa. Prima di tutto bisogna sapere che si deve scegliere la specie di lombrico più adatta alle esigenze della pianta e per facilitare la produzione dell’humus. Il lavoro principale si basa sulla necessità e il continuo bisogno che questi animaletti hanno di nutrirsi e si può utilizzare sia il compost organico ma si possono tranquillamente utilizzare anche scarti della cucina.

Un altro tipo di alimentazione ideale per i lombrichi è anche il letame proveniente da allevamenti animali che sono ideali da usare. Per di più bisogna anche sapere disfarsi degli scarti e si devono eliminare specialmente quelli acidi. Spesso vengono costruiti dei contenitori con assi di legno con la base forata, per riuscire a mettere a loro agio i lombrichi. Così si facilita la digestione e di conseguenza la produzione di questo particolare tipo di humus. Una volta che sono messi nel contenitore, bisogna nutrirli utilizzando la vermiculite per poi essere mescolata e sostituita gradualmente con scarti vegetali e letame. Importantissimo mantenere il contenitore all’aperto facendo attenzione che rimanga tutto umido. Il primo humus di lombrico che potrà essere utilizzato è quello di 6 mesi dall’inizio dell’allevamento dei lombrichi.

Se la procedura per creare l'humus di lombrico ti sembra complicata o non hai lo spazio necessario nella tua abitazione, Piante Sane ti consiglia il proprio Humus di Lombrico in vendita tra i concimi, 100% biologico.

 

Come utilizzarlo

L’humus di lombrico va aggiunto al terreno o al normale terriccio in base alle esigenze del caso. Grazie alle sue proprietà riesce a migliorarne le caratteristiche chimico-fisiche e in particolar modo la struttura. Bisogna sapere che non tutte le piante riescono a trarre vantaggio dall’humus di lombrico. Le piante che più giovano delle sue prestazioni sono le colture orticole e le piante aromatiche ma va fatta anche alcuna eccezione. Per trarne beneficio non è necessario usare grandi quantità ma delle piccole percentuali possono essere più che abbastanza. Inoltre anche se si tratta di una sostanza naturale non si consiglia mai di abusare con le dosi poiché possono portare a squilibri del suolo e delle piante stesse.

Le piante che non amano per nulla l’humus di lombrico sono quelle che crescono in terreni poveri. Le piante tropicali ma anche quelle carnivore non apprezzano questo tipo di fertilizzante quindi bisogna immediatamente optare per un'altra tipologia di humus. Per le piante che amano questo fertilizzante traggono beneficio dai suoi enzimi, acidi umici e i suoi fitormoni. Questi elementi riescono a dare un forte contributo alla pianta aiutandola nello sviluppo grazie ai suoi microorganismi che rendono facile l’assimilazione di tutti i nutrienti minerali necessari. Come abbiamo detto l’humus di lombrico più apprezzato dai coltivatori è quello del lombrico californiano che è ricco di nitrati, fosfati e carbonato di potassio.

Le proprietà dell'humus di lombrico

La proprietà principale ed il motivo per il quale questo humus viene molto apprezzato è la capacità di fertilizzare il terreno. Infatti l’humus è un ottimo concime per l’orto e contiene elementi nutritivi indispensabili per lo sviluppo degli ortaggi. Questo elemento è 100% biologico visto che è composto solamente da scarti vegetali e letame. Essi vengono processati dai lombrichi e non necessitano di nessuna composizione chimica. Per questo motivo può essere tranquillamente utilizzato nell’orto. Un’altra proprietà importante dell’humus di lombrico è anche la sua capacità di migliorare la struttura del terreno. Infatti il suo effetto è sorprendente e riesce in pochissimo tempo a rendere il terreno più leggero e soffice. 

Un altro fattore da non sottovalutare assolutamente è che l’humus di lombrico non puzza. Infatti questa particolare humus non ha un odore forte come la pollina o il letame ma solamente un leggero profumo di terra bagnata. Per questo motivo è consigliato da utilizzare in un contesto di orto urbano o di coltivazione a casa. Inoltre usando l’humus di lombrico è possibile evitare il trapianto delle piantine aiutandola con una piccola quantità di humus a radicarsi e creare le giuste condizioni per la pianta. L’utilizzo di questo prodotto può essere d’aiuto anche per quando riguarda le varie malattie che possono colpire la pianta come la fungine.

Un’altra proprietà dell’humus di lombrico è quello di conservare perfettamente l'umidità grazie alla capacità di ritenzione idrica che offre. Infatti le piante che vengono alimentate con humus di lombrico hanno minore necessità di essere irrigate in continuazione. Come ogni altro abuso anche in questo caso si consiglia di non abusare con questo prodotto poiché può portare a danneggiare irreversibilmente la pianta e il raccolto.

Con quali piante si può usare?

Questa sostanza essendo non nociva è ideale per tutte le piante e anche per i fiori commestibili. Inoltre viene molto consigliato per le culture in vaso oltre ad essere ideale per essere utilizzato in piena terra. Inoltre questo particolare humus viene utilizzato in larga scala anche per la germinazione dei semi e in tutte le fasi di crescita delle piante. La quantità da utilizzare deve essere calcolata in base al fabbisogno della pianta. Quindi una volta che si comprende di quanti nutrimenti la pianta necessita per crescere in maniera naturale, quella sarà la giusta dose ideale di humus di lombrico da utilizzare. Tuttavia resta necessario una concimazione due volte l’anno, una volta a ottobre e l’altra a metà dell’anno. Comunque in base alle esigenze potete utilizzare l’humus di lombrico qualora lo riterrete necessario. Inoltre questo prodotto si può cospargere in superficie o aggiungere al terreno e basterà a fornire il giusto apporto di nutrienti alle piante. Quindi utilizzando l’humus di lombrico non dovrete utilizzare i fertilizzanti di nessun tipo poiché si prenderà cura perfettamente delle vostre piante.